08 03 2017

Jobs act: un bilancio in chiaroscuro
A due anni dall'introduzione della riforma sul lavoro, gli aspetti negativi pesano più dei benefici o viceversa? E come sono cambiati i rapporti tra le parti, con la modifica delle tutele in caso di licenziamento illegittimo? Di questo e altro si è parlato in una tavola rotonda organizzata da Legal Milenia Treccarichi

Molte critiche, qualche apprezzamento. Da quando è entrata in vigore, ormai due anni fa, la riforma del Jobs act non ha mai smesso di suscitare reazioni contrastanti. Ha creato nuova occupazione o ha istituzionalizzato la precarietà? Ha reso efficiente, flessibile, moderno il mercato...


Per leggere l'intero articolo devi essere un utente registrato.


Clicca qui per registrarti gratuitamente oppure compila il form per effettuare il login

Email:

Password:



Hai dimenticato la password?

IN EDICOLA

L'EDITORIALE
I rapporti di lavoro evolvono oltre il Jobs act

Dai dati sull’andamento dell’occupazione in Italia, resi noti dall’Istat, il complesso degli interventi normativi che vanno sotto il nome di Jobs Act, a due anni dalla sua entrata in vigore, mostra un bilancio di luci e ombre: dall’inizio del 2015, da quando

Leggi tutto

Powered by Share Trading

Everlasting
I più letti